Yes, the FCC might ban your operating system

prpl.works

fcc-logo_blackOver the last few weeks a discussion has flourished over the FCC’s Notification of Proposed Rule Making (NPRM) on modular transmitters and electronic labels for wireless devices. Some folks have felt that the phrasing has been too Chicken-Little-like and that the FCC’s proposal doesn’t affect the ability to install free, libre or open source operating system. The FCC in fact says their proposal has no effect on open source operating systems or open source in general. The FCC is undoubtedly wrong.

I want to make something entirely clear: I believe the FCC has the best of intentions. I believe they want to protect the radio spectrum and implement the E-LABEL Act as required by Congress. I believe they want to protect innovation in the technology industry. I also believe that their proposal harms innovation, endangers the free, libre and open source community and is generally anti-user.

View original post 3.946 altre parole

Annunci

Vermont: allo studio la blockchain di Stato.

COINLEX.

di Luigi Angotzi, giurista e startupper

Attualmente l’applicazione pratica più conosciuta ed usata è il bitcoin, ma la tecnologia sottostante ed in particolare la blockchain può essere utilizzata anche come un registro pubblico di Stato, per realizzare smart contract e tante altre applicazioni.

Lo scorso 3 giugno, Peter Shumlin, Governatore dello Stato del Vermont ha promulgato la Legge N. 51 (una legislazione a favore della promozione dello sviluppo economico) in cui alla sezione A3 si fa cenno allo studio ed alla successiva applicazione della tecnologia blockchain.

http://legislature.vermont.gov/assets/Documents/2016/Docs/ACTS/ACT051/ACT051%20As%20Enacted.pdf

Precedentemente anche il Senatore Balint aveva presentato un emendamento a favore dell’uso della tecnologia blockchain, affermando che:

“Blockchain technology shall be a recognized practice for the verification of a fact or record, and those facts or records established through a valid blockchain technology process shall have a presumption of validity for matters to be determined subject to, or in accordance…

View original post 43 altre parole

Il Governo Britannico studia usi pratici della tecnologia Blockchain

COINLEX.

di Luigi Angotzi, giurista e startupper
Il Governo britannico (come ha già fatto lo Stato del Vermont https://coinlexit.wordpress.com/2015/08/24/vermont-allo-studio-la-blockchain-di-stato/) sta esplorando l’uso della tecnologia blockchain nel tentativo di migliorare la trasparenza e la correttezza della sua tenuta registri.

In un post sul blog del Servizio Digitale Governativo (https://gds.blog.gov.uk/2015/09/01/registers-authoritative-lists-you-can-trust/), il responsabile tecnico del progetto, Paul Downey (https://uk.linkedin.com/in/pdowney), dichiara che i registri online usati in passato potranno essere migliorati grazie all’uso della tecnologia Blockchain.

Egli inoltre afferma: “il registro perfetto dovrebbe essere in grado di dimostrare che i dati non sono stati manomessi e dovrebbe archiviare una cronologia delle modifiche che sono state fatte, oltre a essere aperta a un controllo indipendente“. Il team dell’ufficio da lui diretto ha già realizzato un prototipo di base del funzionamento del servizio.

Screenshot-of-an-entry-in-a-basic-prototype-

Un portavoce dell’ UK Digital Currency Association (https://www.ukdca.org/) ha lodato l’iniziativa del Governo di esplorare nuove prospettive tecnologiche.

Egli dichiara: “non c’è…

View original post 68 altre parole